Stai visitando l'archivio per 2010 ottobre.

L’infanzia rubata

29 ottobre 2010 in Senza categoria

Pubblichiamo oggi, dopo esserci consultate con Linda che l’ha scritta, questa lettera comparsa sabato 23 ottobre 2010 su D-Repubblica, perché ci è parsa particolarmente attinente ai temi che più ci premono, visto che siamo convinte che il sistema in cui ci troviamo incastrati e contro cui stiamo tentando di far sentire le nostre voci cominci a infliggere i suoi assalti molto molto presto,  rendendo le persone talmente assuefatte alla sua violenza subdola da non riuscire più nemmeno a percepirla.

Della fretta che abbiamo di far crescere i nostri figli, le nostre figlie in particolare, cooptate da messaggi pubblicitari perennemente inisinuanti ed erotizzati che mercificano i corpi femminili fin da età precocissime ha scritto, sul nostro sito, anche Valérie Donati.

Per quanto mi riguarda, mi capita di pensare al furto dell’infanzia che la nostra società ormai perpetra in un clima di quasi totale apatia, ogni volta che vedo un cartone animato di quelli main stream, di quelli che riempiono le sale cinematografiche e riescono a meritarsi il plauso anche di critici apparentemente selettivi e quotati: ci sento comunque un eccessivo ammiccamento agli adulti, battute allusive, personaggi dalle personalità perennemente irrisolte che veicolano valori troppo ambigui per l’età di chi guarda, come se dovessimo da subito abituarci a un relativismo esasperato, a un pensiero tanto debole da farsi inconsistente.

E poi ritmi e rumori esagerati, irrinunciabili momenti di violenza, anche in film con temi delicati, come Up, che riesce ad avere uno sguardo così raro sull’amore in vecchiaia e poi si perde in un’esplosione di latrati lancinanti e cagnareassordanti in un Sudamerica chissà perché rappresentato come una no man’s land mezza lunare mezza infernale. In sala ci sono sempre 4-5 bambini che piangono e vogliono andare via.

Va a finire che, quando vedo un film che dovrebbe essere per bambini, esco dal cinema nervosa e amareggiata. Triste sia se le mie figlie non si sono divertite (triste per quello) sia se invece lo hanno fatto (triste per il timore che si stiano assuefacendo
a un mondo che non mi piace).

Linda, in questa lettera, torna a lanciare un allarme per questa infanzia rasa al suolo, immolata sull’altare del profitto a tutti i costi: parla di bambine assorbite in quel “contesto prostituzionale” che tanta pubblicità contribuisce a far rimbombare e a diffondere, grottescamente incastrate in vestiti e atteggiamenti indotti, che preludono al tipo di donna più in voga, la donna-articolo in vendita, la donna-prodotto a disposizione sul mercato, la donna reificata.

DALLE DONNE AI BAMBINI

Mentre il corpo maschile è a rischio, la mercificazione di quello della donna ha raggiunto livelli ormai inaccettabili ed è sotto gli occhi inconsapevoli o ciechi o disinteressati o impotenti, di tutti noi. Siamo talmente drogati e assuefatti allo sfruttamento dell’immagine femminile da non accorgerci di non fare troppa distinzione tra la parola sesso e la parola donna.

Nel mio piccolo, provo quotidianamente ad oppormi a tale visione (mi scontro ogni giorno sul lavoro con uomini, tutti uomini, principi e re di un mondo di battute, strizzatine d’occhio, furberie e racconti improbabili) ma mi rendo conto di essere anche io all’interno di un meccanismo più grande di me, che fonda le sue radici troppo lontano per non aver influenzato anche il mio modo di pensare e di agire. Fino ad ora sono stati gli uomini a dirigere, ad essere presenti in tutti i settori lavorativi, economici e artistici. È stato l’uomo a dettare, nell’arte, nella comunicazione, negli stili di vita, la visione del mondo e dunque anche della donna.

Ma oggi, ho paura, che stia accadendo qualcosa di ancora (se possibile) più grave. Qualcosa contro cui tutti, uomini e donne, dovremmo, a mio parere, scandalizzarci e opporci, prima che sia troppo tardi.

Le donne oggi subiscono e putroppo a volte, inconsapevolmente accettano, la costrizione di vedersi ritratte nelle pubblicità di moda in mezzo a cetrioli, indotte a compiacersi del ruolo di bambole di plastica senza altra funzione che fottere ed essere fottute, e ad immedesimarsi in canoni estetici che portano ad una devastazione psicologica tale per cui dopo aver sfogliato una rivista di moda il 70% delle lettrici si sente depressa e in colpa. Se tutto questo le donne subiscono, io vorrei fare in modo che altrettanto non accada ai bambini.

Sfogliando le riviste femminili e di moda, guardando i manifesti pubblicitari o le vetrine dei negozi o le fermate degli autobus, mi sono accorta di come siano in costante aumento le pubblicità di abbigliamento infantile, laddove “infantile” è un termine del tutto inappropriato. Bimbe dalle gote porpora e dalle labbra rosse private del sorriso, fissano l’obbiettivo. Qualcuno potrebbe vederle come piccole (molto piccole) Lolite. Niente hanno dell’infanzia se non l’età, ridicolizzate come scimmiette travestite, adultizzate, erotizzate. Oscene.

Immagini di bambini adulti, che parlano agli adulti e affascinano i bambini.

Non sono madre, non so cosa provino i genitori nel vedere tali immagini ma in me provocano profondo sdegno verso la nostra società. E paura. Paura nel pensare a chi tira i nostri fili, in quali mani siamo per sottostare a tutto ciò senza aprire bocca o peggio senza accorgercene o ancora, per ritenere le mie opinioni esagerate. E paura per i futuri adulti.

Cosa succederà ad individui privati dell’infanzia?

A bambini portati ad imitare e ad immedesimarsi in modelli troppo adulti?

Se lo stesso meccanismo di sessualizzazione dell’immagine porta problemi e confusione nell’adulto, cosa può accadere in un bambino portato troppo presto a spostare l’attenzione sul proprio corpo e sulla propria immagine?

A vedere il proprio corpo come arma seduttiva, merce di scambio, punto d’arrivo?

Ma soprattutto, non porta questo modello “infantile”, ad una normalizzazione di brame voyeristiche e pedofile?

In virtù delle nostre visioni edonistiche e utilitaristiche stiamo a mio avviso, andando oltre ogni limite, superando il livello del permesso.

In una società dove aumentano i diritti delle persone, vanno paradossalmente crescendo le violenze e gli abusi dell’individuo, della sua immagine, della sua sensibilità.

Linda (una 28enne)

(da “D-Repubblica”, n°716, 23/10/10)

Lucia

25 ottobre 2010 in Senza categoria


Oggi è stata una bellissima serata!
È bello vedere i propri amici riuniti tutti insieme, è bello vedere tutti ridere e divertirsi insieme!!
Molto spesso non si pensa a quanto possono essere importanti i propri amici… solo quando è troppo tardi ce ne rendiamo conto!
Dopo tutto quello che ho passato e che sto passando mi sto rendendo sempre più conto che gli amici sono una delle cose più importanti nella vita!! E non solo di questo mi sto accorgendo ma che nella vita ci sono molte cose superflue e che queste cose vanno eliminate perché sono false cose importanti!! Continua a leggere questo articolo →

Gli incontri e l’amicizia. Dal diario di Katia Verdone

20 ottobre 2010 in Senza categoria

Katia Verdone - www.katiaverdone.itGli incontri sono quelli che ti segnano… che danno una svolta alla nostra vita… in special modo a quella interiore.

Possiamo avere una bella casa, una bella macchina, un bel lavoro, ma poi sono gli incontri che qualificano tutto il resto, quelli che renderanno animata, calda e accogliente la nostra casa, quelli che in un viaggio insieme ci faranno vedere con i loro occhi quello che da soli non riusciremmo a vedere o magari a vederlo solo in un modo diverso… quell’incontro fortuito in una delle tante file umane lunghissime (alla posta, al supermercato,al semaforo in sella alla mia vespa…) in circostanze noiose e stressanti ti guarda regalandoti un sorriso, rendendoti, con così poco, pronta all’ottimismo e a credere ad un inizio di giornata piacevole. …

Io per prima ho soffocato il sentimento AMICIZIA per molti anni, dimenticandomi praticamente di tutti gli amici di un tempo, ho immolato l’amicizia sull’altare dell’amore perché in quel momento, per molto anni in realtà, ho considerato l’amore l’unico sentimento importante nell’età adulta. L’amicizia sembrava un sentimento da vivere in modo totalizzante solo nella giovinezza … poi il suo posto veniva sostituito dall’amore.

Ora, come spesso succede nella vita, la situazione si è invertita … SONO IO, ORA, QUELLA CHE ANELA AMICIZIE, CHE NE SENTE PROFONDO BISOGNO. Mentre la maggior parte dei miei amici stanno vivendo un’appagante ed esclusiva storia d’amore.

Ora, non posso pretendere più di tanto da amici come ***** e ***** visto che in questo periodo stanno vivendo la loro storia … Comunque io devo accettare e imparare a prendere ciò che la vita mi offre, e l’amicizia con *****, è stata una delle esperienze più belle del periodo di vita più malandata …

Katia Verdone, www.katiaverdone.it

 

La vita, amico, è l’arte dell’incontro”: questa frase del poeta brasiliano Vinicius de Moraes credo che sarebbe molto piaciuta a Katia.

E mi viene da pensare che la vita prende tutto un altro perché se riusciamo a incontrare anche le persone che non ci sono più, grazie a chi continua a raccontarcele, tenendone vive le voci e il ricordo, opponendo resistenza a un mondo che corre velocissimo senza trattenere più nulla, dissolvendosi in attimi effimeri appiattiti su un presente che ci schiaccia nella sua ottusità priva di spessore. Le parole, i disegni, un particolare del volto o quella giornata che riaffiora nella nostra memoria è bello portarle alla luce con pochi intimi o anche su una piazza virtuale perché il patrimonio di unicità che ognuno racchiude non vada sprecato e possa continuare a dialogare con mondi con cui forse in vita non sarebbe mai potuto entrare in contatto.

Recuperare una relazione non patologica con la morte è un compito che la nostra epoca dovrebbe cominciare a darsi e dentro la nostra scelta di concludere le testimonianze di Svegliatevi, bambine! con le belle parole di Katia e Lucia c’è anche la volontà di contribuire a innescare un rapporto più sano fra ciò che ancora è e ciò che non è più ma permane sotto forme diverse continuando a trasformare i nostri sguardi.

Donne e politica, di Nicola Orichuia

18 ottobre 2010 in Senza categoria

caterina-sofficiIn Italia, il binomio donne e politica è sempre stato caratterizzato da una notevole conflittualità. Nonostante le battaglie per i diritti vinte negli anni ’70, resta ancora molta strada da percorrere per raggiungere una rappresentanza adeguata all’interno del Parlamento. Continua a leggere questo articolo →

Oggi nasciamo!!!

14 ottobre 2010 in Senza categoria

Ormai è ufficiale: oggi, 14 ottobre 2010, nasce l’Associazione Donne Pensanti!

Qui Francesca vi racconta un po’ più nel dettaglio quello che stiamo facendo e come ci stiamo strutturando, notizie più dettagliate vi arriveranno, se siete iscritti alla community, nei prossimi giorni.

Siamo emozionate e pieni di voglia di continuare con sempre maggiore incisività a portare avanti i nostri progetti e le nostre battaglie, coinvolgendo il maggior numero possibile di persone convinte che sia giunto il momento di cogliere le opportunità di trasformare veramente la percezione stereotipata delle donne e degli uomini che la nostra società spesso ci inculca e di lavorare attivamente perché la percezione cambi, e con essa cambino un po’ anche le cose e il mondo attorno diventi più accogliente e permeabile alle sfumature, più capace di immaginarsi vario e diverso. Continua a leggere questo articolo →

Vai alla barra degli strumenti