Cinquemila firme per la dignità delle donne: parte l’ultimo lancio dell’appello alla Direttrice generale della RAI

Cinquemila firme per la dignità delle donne: parte l’ultimo lancio dell’appello alla Direttrice generale della RAI
Nato e cresciuto in rete, dal basso l’appello alla Direttrice generale della RAI Lorenza Lei per il servizio del TG1 sulla “Donna dell’Ariston” ha raccolto in pochi giorni 3.300 firme. Il video del servizio pubblicato sul canale “Donne e Media” di youtube ha avuto 62.000 visualizzazioni.
Segno evidente che l’uso improprio, distorto e umiliante dell’immagine femminile nei media indigna gli utenti della rete e i cittadini che vedono leso il proprio diritto ad una rispettosa e dignitosa comunicazione del femminile, soprattutto da parte del servizio pubblico della RAI che per primo in fatto di questioni di genere e Pari Opportunità dovrebbe dare il buon esempio, in particolare oggi che ai suo vertici siede una donna.
Lanciato da Associazione Pulitzer con il sostegno di Zeroviolenzadonne, Vita da Streghe, Lipperatura, Disambiguando, Il corpo delle donne, Un altro genere di comunicazione, Agoravox, Woman’s Journal, LSDI, Se Non Ora Quando, Le Vocianti- Associazione Donne Pensanti  l’appello ancora firmabile sul sito di Associazione Pulitzer http://www.associazionepulitzer.it/appello-al-direttore-generale-della-rai-lorenza-lei chiede un “risarcimento” di immagine e una presa di posizione pubblica contro questo servizio ( e non certo contro Ivana Mrazova) umiliante e offensivo ed uno spazio, all’interno di quello stesso TG delle 20.00, dove l’autore ed i due presentatori chiedano pubblicamente scusa alle donne italiane.
Ad oggi, e non a noi direttamente, è arrivata solo la sintetica dichiarazione di Vincenzo Mollica che si è espresso così: “Nessuna intenzione da parte del TG1 e mia personale di offendere le donne”.
Le associazioni sostenitrici pertanto, insieme a tutti i firmatari, chiedono a chi non avesse ancora sottoscritto di farlo al più presto a questo indirizzo http://www.associazionepulitzer.it/appello-al-direttore-generale-della-rai-lorenza-lei.
Mentre ai vertici della RAI fanno presente che non intendono fermarsi fino a quando non avranno ottenuto una risposta e una pubblica presa di posizione.