Un paese violento. Violenza di genere: fenomeno sociale, nodo politico

Giovedì 14 giugno a Bologna,

Festa dell’Unità quartiere Navile, Parco di Villa Torchi, via Colombarola 4, Bologna-Corticella

“Quando le guerre di mafia o di camorra raggiunsero l’acme del
terrore, arrivando a fare duecento vittime in un solo anno, si parlò
di fenomeno criminale, lo Stato intervenne con misure estreme; e si
sparsero fiumi di inchiostro, si scrissero libri, inchieste,
reportage, ci furono interrogazioni parlamentari e fiaccolate di
intere comunità, ancora oggi all’argomento si dedicano dibattiti e
trasmissioni televisive. E allora perché la violenza omicida degli
uomini verso le proprie compagne o figlie o amanti non riesce a
diventare allo stesso modo una questione urgente, pressante,
angosciosa? A interrogare le coscienze? A trasformarsi in
un’emergenza?”
Iaia Caputo, “Il silenzio degli uomini”

La Conferenza delle Donne PD Navile ne parla con:

Roberta Mori (Presidente Commisisone della Regione Emilia-Romagna “per
la promozione di condizioni di piena parità tra donne e uomini”)

Thomas Casadei (Consigliere Regione Emilia-Romagna, Docente di teorie
e prassi dei diritti umani, Università Modena-Reggio Emilia)

Barbara Spinelli (Avvocata, Giuristi Democratici, relatrice del Rapporto Cedaw)

Luca Rizzo Nervo (Assessore Sanità e Integrazione Socio-Sanitaria
Comune di Bologna)